ED IMPEGNI PROBANTI PER LE SQUADRE LIVORNESI DI PROMOZIONE TOSCANA GIRONE C

E 22° turno del campionato di promozione toscana girone C sicuramente pieno d' impegni probanti per le squadre livornesi. La capolista Pro Livorno va in trasferta a Monterotondo e questa e' sicuramente una partita difficile perche' nella squadra di casa militano diversi giocatori labronici e la partita assume le caratteristiche di un derby. Ma siamo sicuri che mister Niccolai avra' preso le necessario contromisure per vincere e continuare la corsa verso la promozione in Eccellenza Toscana. Il Picchi di mister Sena dal canto suo potrebbe fare un grosso favore ai cugini biancoverdi battendo la Pecciolese seconda in classifica ed inseguitrice della Pro Livorno. Ma questo Picchi non da' molto affidamento , troppe le partite pareggiate in Banditella quest' anno. Infine infuocato derby al Rossetti di Cecina, dove i locali di mister Brontolone e del grande diesse Alberto Lazzerini cercheranno di far propri i tre punti contro il Donoratico , squadra che negli ultimi t…

E GIOVEDI' PROSSIMO LA COMMISSIONE PREFETTIZIA VALUTERA' SE DARE O MENO L' AGIBILITA' ALLO STADIO

E giovedì prossimo la commissione prefettizia dovra' dare il proprio parere in merito all' agibilita' della Gradinata Morosini e di tutto lo stadio Un primo parziale ok era stato dato dopo il positivo superamento delle prove di carico compiute sui gradoni dell' Ardenza da parte dell' amministrazione comunale di Livorno. Ora pero' c' e' da dare il parere definitivo per l' agibilita' del vecchio catino dell' Ardenza, sempre piu' a pezzi e rischio crollo, che si presenta in queste vergognose condizioni all' apertura del campionato di lega pro la prossima domenica alle ore 18.30. Servirebbe l' auspicato cambio di dirigenza, presidenti munifici e ambiziosi disposti ad investire cospicue cifre per lo stadio nuovo , ma finora sciu Aldo e' ben lontano dal voler cedere il Livorno, anche perche' lo usa come strumento di pressione per l' acquisizione di nuove aree all' interno del porto di Livorno.
GIANNI MASSONIGUS

Commenti