Faccia a faccia dei tifosi con Moriconi e Lucchesi ( si mettono molto male le cose per la Pantera Rossonera...)

Faccia a faccia dei tifosi con Moriconi e Lucchesi: Quest'oggi una settantina di supporter rossoneri si sono presentati al Porta Elisa dove era in corso l'ennesimo confronto tra Arnaldo Moriconi e Fabrizio Lucchesi: oltre un'ora di colloquio serrato, con la volontà ferrea di capire qualcosa e soprattutto di avere assicurazioni sul destino della Lucchese



ps : e qui siamo ai bonifici promessi e non arrivati, insomma il passaggio di proprieta' della Lucchese e' quanto mai problematico , perche' spuntano debiti da tutte le parti mentre le scadenze finanziarie si avvicinano. Insomma la Pantera Rossonera rischia grosso e la tifoseria e' letteralmente inferocita con l' attuale patron Moriconi ed il dg Lucchesi, che ricordiamo ha vissuto situazioni simili a Piza..

G.M




riuscira' questa feroce Pantera ad afferrare e mordere questo fantomatico bonifico da cui dipendono le sorti del glorioso sodalizio calcistico rossonero?



ED UN SUPERCELLINI STENDE L' ALESSANDRIA IMBATTUTA DI MISTER BRAGLIA


E sicuramente il miglior Livorno della stagione batte la supercorazzata Alessandria di mister Braglia, compagine che finora era imbattuta. Inizio veemente del Livorno ma grigi che in contropiede passano inopinatamente in vantaggio con Marras al 16° . Se fosse stato il Livorno della prima parte del campionato sicuramente sarebbero arrivate le pallonate da parte dei grigi ed invece il Livorno si rovesciva nella metacampo alessandrina e dopo dieci minuti perveniva al pareggio meritato con Cellini. Il Livorno era padrone del campo ma la partita registrava risse e scontri durissimi in continuazione. Finiva il primo tempo tra gli applausi dei cinquemila coraggiosi che hanno sfidato il freddo per sostenere i propri beniamini. Iniziava la ripresa subito con il botto : Cellini al 3° siglava il raddoppio per il Livorno fra l' entusiasmo del pubblico amaranto. Alessandria che ovviamente si riversava nella meta' campo del Livorno ed al 69° Bocalon coglieva il palo. Ma quasi subito in un veloce contropiede amaranto Cellini si mangiava letteralmente il terzo goal per il Livorno, un Cellini imbeccato ottimamente da Toninelli. Grande disappunto per l' ex spallino che si mangiava letteralmente le mani. Alessandria che continuava a premere, Livorno stanco in debito d' ossigeno ed iniziava una girandola di sostituzioni che saggiamente mister Foscarini attuava per perdere tempo . Finiva con il Livorno in trionfo ed i grigi , zitti e muti, con la prima sconfitta sul groppone e la rabbia di un mister Braglia che quando gioca contro il Livorno sembra un indemoniato. Livorno che ora e' terzo a 42 punti, mentre la Cremonese seconda a 45 a cinque punti dall' Alessandria ancora capolista a 50 punti. Come detto il miglior Livorno della stagione, lontano parente di quello del girone d' andata che con i grigi fu preso  a pallonate . Stasera invece poteva finire benissimo 3 a 1 se Cellini non avesse fatto quella sciocchezza che nel calcio poteva costar caro, ma per fortuna non e' stato così per la gioia degli sportivi amaranto, che in cinquemila hanno sfidato la serata rigida e le intemperie.
Bella vittoria del Livorno che ha riaperto il campionato e che dopo la sosta dovra' recarsi a Carrara per l' ennesimo derby toscano. Si prevede un  esodo di sportivi amaranto per questa partita che potrebbe ulteriormente lanciare in alto la squadra amaranto. Tutto bene stasera dunque, ma il rischio concreto e' che il patron amaranto , il presidente Spinelli, venda i migliori giocatori nella sessione del calcio mercato di Gennaio, indebolendo la squadra e provocando le sacrosante proteste dei tifosi stufi di questa gestione del Livorno a costo zero e tendente solo al mero lucro e profitto senza investimenti munifici e programmi ambiziosi.
NELLO BALISTRACCI


16′ Marras (A), 27′, 47′ Cellini (L)

Commenti