UN LIVORNO IN PANTOFOLE PAREGGIA CON MOLTA SOFFERENZA AL PORTA ELISA DI LUCCA

E come si prevedeva la lunga sosta si e' rivelata negativa per il Livorno di mister Sottil apparso troppo sulle gambe, abulico e senza quella cattiveria agonistica, quella bava alla bocca che consente di affrontare e vincere derby arroventati come quello contro la Pantera Rossonera. Inizio primo tempo senza tante emozioni mentre nella Lucchese debuttava il neo acquisto Bertoncini. Al 10° primo infortunio per il lucchese Merlonghi ed al suo posto entra' Nole'. Al 25° e' invece Pedrelli del Livorno che si fa male e viene sostituito da Morelli. Al 33° la Pantera Rossonera passa inopinatamente in vantaggio grazie alla solita difesa amaranto da torta che regala sempre un golletto a partita per la serie prendiamo i rinforzi dal Seravezza vai.... Rete siglata dal rossonero Bortolussi che vince un contrasto ed infila l' incolpevole Mazzoni. Il Livorno pareggia al 42° grazie ad un contestatissimo rigore concesso dall' arbitro Capone su un presunto fallo di mano di Arri…

E MISTER FOSCARINI METTE I FAMOSI PUNTINI SULLE " I "

Ed in conferenza stampa il tecnico amaranto Foscarini e' stato molto chiaro : infatti ha detto che vedra' dalle mosse del presidente in questo calcio mercato di Gennaio, la possibilita' di una sua riconferma sulla panchina amaranto. Tradotto, il messaggio del valente tecnico veneto e' molto semplice  : " presidente comprami i giocatori che ti ho chiesto, specie a centrocampo ed in attacco , ed allora sono disposto a rimanere , altrimenti cambio l' oste e  tanti saluti.... ". E come tifosi non possiamo che essere d' accordo con mister Foscarini, che sicuramente si e' stufato di questo " nulla " assoluto da parte della dirigenza, e vuole invece passare ai fatti concreti, che si chiamano , apertura del portafoglio, ovviamente quello del presidente, che deve effettuare investimenti munifici per allestire un organico di prim' ordine capace di arrivare ai playoff in posizione favorevole per gli spareggi promozione con la possibilita' di tornare alla fine  in quei famosi palcossenizi importanti.
DANILO NESTI

Commenti