E MOLTO INSIDIOSA L' ARZACHENA IN CASA PROPRIA... ATTENZIONE AD UN CERTO CURCIO....

E sicuramente molto insidiosa la squadra sarda in casa propria , dove in uno stadio angusto e con un pubblico caldissimo , e' molto difficile giocare  a calcio . Societa' sarda neopromossa in serie C guidata dal patron di origine laziale ma ormai sardo d' adozione, Menio Fiorini. Allenatore e' mister Giorico che in porta schierera' Ruzzittu, mentre in difesa l' esperto Sbardella e Piroli mentre il centrale dovrebbe essre Peana. Poi l' esperto La Rosa affiancato dall' ex Viterbese Nuvoli e dal giovane Casini. A centrocampo ballottaggio tra Taufer e Trillo' e poi Bertoldi. In attacco i sardi schierano la temibile coppia Curcio e Vano . All' andata il Livorno vinse 2 a 1 con reti di Vantaggiato e Doumbia mentre i sardi segnarono appunto con il loro attaccante piu' pericoloso, Curcio. Inutile aggiungere che la vittoria per il Livorno e' davvero fondamentale per mettere le mani sulla promozione in serie B e permettere ai tifosi labronici di …

COSE TURCHE A LIVORNO!!! : CI SONO I PLAYOFF IL 14 MAGGIO ED IL COMUNE CONCEDE LO STADIO AD UN' ASSOCIAZIONE BENEFICA PER QUEL GIORNO....

E francamente siamo davanti a fatti che dimostrano palesemente il pressapochismo , l' incapacita' di questa amministrazione grillona nell' amministrare la cosa pubblica. L' amministrazione comunale infatti concede l' uso della stadio ardenzino ad un' associazione benefica , il giorno 14 Maggio
dimenticandosi clamorosamente che in quella data il Livorno gioca i playoff. La richiesta dell' associazione onlus " Volare senza ali " risale a diversi mesi fa, e sicuramente l' amministrazione comunale frettolosamente ha osservato che il campionato di lega pro termina il 30 maggio, ma incredibilmente ha dimenticato che ci sono i playoff ed il Livorno li deve disputare! Ora l' assessore allo sport Morini tenta di trovare una sede alternativa per quest' associazione benefica, ma e' chiaro che lo stadio era un palcoscenico importante, ed il rischio di un duro contenzioso legale e' piu' che concreto. Intanto la politica livornese, di fronte a questo incredibile episodio fatto di superficialita' ed incapacita', chiede a gran voce le dimissioni dell' assessore allo sport. Inutile aggiungere che fatti del genere, stanno purtroppo facendo il giro della penisola e la citta' di Livorno e' messa alla berlina , per la serie forse sarebbe meglio stare sulla terra, fare meno progetti aerospaziali, fare meno rotatorie, fontane antidegrado, piste ciclabili e prossimamente anche la funivia stazione porto mediceo.
INQUISITORE LABRONICO




Commenti