SI RIAPRE CLAMOROSAMENTE IL CAMPIONATO DI SERIE D GIRONE E : IMPRESA DELLA MASSESE A SAN REMO , IL PONZACCO LESTO LESTO NE APPROFITTA

E clamorosi risultati nell' odierno turno del campionato di serie D girone E, con la capolista Sanremese sconfitta in casa da una rediviva Massese di mister Magrini, che oltre a fare del bene alla propria classifica, vedasi lotta playoff, fa un grosso favore al Ponzacco vittorioso in trasferta nel derbt contro il Seravezza. Mobilieri che con questo blitz esterno ora sono ad un solo  punto di distacco dalla corazzata ligure. Il derby tanto annunciato  della giornata, Viareggio - RFQ si e' invece risolto con il classico punteggio di 0 a 0 , un pareggio che non serve a nessuna delle due squadre che hanno perso un' importante occasione per rilanciarsi in classifica. Pareggia il Ghivizzano con il Savona e non fa certo grandi passi avanti in chiave salvezza, mentre la partita San Donato - Rignanese, il derby del Chianti non si e' disputata per maltempo. Lo Scandicci vince il pesantissimo spareggio salvezza contro il Montecatini e continua a sperare nella salvezza.

NENO FRAN…

E LO " STRATEGA " LEONARDO MENICHINI MANDA ALL' INFERNO IL PEGGIOR LEVORNICCHIO DELLA GESTIONE SPINELLI

E lo " Stratega " Leonardo Menichini , ex allenatore del Livorno ai tempi della A , quando era vice di Carletto Mazzone, con la sua Salernitana, squadra mediocre ma almeno saggiamente organizzata ed altrettanto preparata, impartisce una lezione di calcio, gioco, organizzazione ad uno dei piu' brutti " Levornicchi " visti purtroppo questa stagione. E del resto era francamente impensabile per una squadra modesta mediocre come il Livorno di quest' anno, costruito senza un minimo di raziocinio e soprattutto al massimo risparmio, dal patron Aldo Spinelli , era davvero impensabile riuscire a far punti in stadi come l' Arechi di Salerno che in queste occasioni sono " Bolge infernali ". Salernitana che ovviamente partiva con la scarica elettrica e subito al 1° minuto con Donnarumma, solo soletto, infilava di testa il portiere Pinsoglio. Occasioni per pareggiare per il Livorno con Vantaggiato, ma era la Salernitana con un repentino contropiede al 31° a raddoppiare con Coda , colpevole anche un incerto Pinsoglio. Al 40° fallo di mani di Empereur l' ex amaranto, e l' arbitro Aureliano assegnava il sacrosanto rigore a favore del Livorno che il Toro di Brindisi non falliva ,( per la serie gari telegiornalisti labronici l' avete visto che all' Arechi Aureliano ci ha dato pure un rigore ma non e' servito a nulla, ed ha pure espulso il salernitano Odjer nella ripresa..... , zitti.....)...  Iniziava la ripresa e la Salernitana meglio organizzata giocava in contropiede pronta a colpire le fragile difese del Livorno e puntualmente in uno di questi ben organizzato contropiede Zito siglava il definitivo 3 a 1 che mandava come ben dice solitamente il nostro editorialista Franca,  il Livorno per le erbe. Ed a nulla serviva l' espulsione di Odjer al 19° della ripresa per fallo su Vajushi.... ( Aureliano ci ha dato un rigore e fatto giocare il finale di partita in superiorita' numerica....). Finiva in trionfo per la Salernitana dello " Stratega " il Ponzacchino Leonardo Menichini, con i campani pronti a scattare in contropiede e tutte le volte sfiorando il goal con una difesa amaranto letteralmente in bambola. Gari amici sportivi amaranto, chi scrive, insieme ai nostri editorialisti, aveva previsto questo tristissimo finale per il Livorno, perche' lo stadio Arechi di Salerno non era certo il campo della salvezza amaranto, che doveva avvenire a GENNAIO, solo se un presidente, una societa' oculata ed avveduta si fossero FRUGATI per davvero, rinforandno con munifici interventi , tutti i reparti della squadra amaranto palesemente mediocri , incapaci di ottenere una salvezza cosa che puntualmente e' accaduto. Livorno ora in Lega Pro, in una situazione drammatica, senza societa' perche' anche in lega pro questi genovesi vorranno continuare la gestione societaria a costo zero, con dirigenti con il solito ruolo di specchietto per le allodole. Il timore e' che il gruppo Spinelli, non ceda il Livorno prolungando il calvario del Livorno anche in lega pro, perche' questi imprenditori genovesi sono attratti dai succosi affari alla costruenda Darsena Europa. E situazione drammatica perche' al 99,9% il Livorno sara' costretto a giocare in lega pro, o a Viareggio o Grosseto, causa la sicura dichiarazione d' inagibilita' dell' ormai " rudere dell' Ardenza " una vergogna nazionale. Per questo cari amici sportivi amaranto, e' necessario piu' che mai organizzarsi e contestare questa dirigenza, perche' issi le ancore dal porto di Livorno e salpi velocemente verso il porto di Genova. Livorno , i livornesi, non ne possono piu' di queste conduzioni societarie, Livorno ed i Livornesi si meritano societa' ambiziose, presidenti munifici, stadio moderno , e soprattutto compagini d' alto bordo, in qualsiasi categorie dovremo giocare, per puntare immediatamente al ritorno in quei famosi palcossenizi importanti!!!
NELLO BALISTRACCI

Commenti